Domenica 2 dicembre: Le Eccellenze di LoverBeer @ OroBirra. Torino

loverbeer

Domenica 2 Dicembre sarete accompagnati in una degustazione dove la tradizione incontrerà l’innovazione delle Birre Artigianali Piemontesi.

Nella prestigiosa Birreria Oro Birra di Torino dalle ore 20,30 insieme al birraio Valter Loverier, del Birrificio Loverbeer di Marentino degustazione di 4 birre, ciascuna accompagnata da un prodotto piemontese.

La serata avrà inizio dalle ore 20,30 alle ore 23,00 circa.
Ci saranno 4 birre in degustazione: Madamin, BeerBrugna, Papessa, A Renna Gluh.

Costo della degustazione 20 euro a persona (gradita la prenotazione)

OroBirra

Corso regina margherita, 97
10124 – Torino (TO)

tel: 011.5788480

Tilquin draught geuze vs 3Fonteinen Oude Geuze (una piccola comparazione)

Ultimo arrivato nella famiglia sacra dei produttori/blender di birre acide in Belgio, la geuzerie Tilquin si pone come elemento che funge da spia (commerciale) di una sorta di rinascimento dello stile Sour belga che sembra essere ormai definitivamente fuori dal pericolo di estinzione anche, e soprattutto, per la passione dei sempre più numerosi estimatori che il genere sta mietendo in giro per il globo, e che vede l’Italia come un attore di primissimo piano sia grazie all’inarrestabile opera di recupero e di valorizzazione ad opera di Lorenzo Kuaska Dabove, sia all’innegabile gusto italiano che riesce ad apprezzare le sfumature di queste birre di non semplicissimo approccio.
Pierre Tilquin, 38 anni apre la sua geuzerie in Vallonia e rilascia il primo blend nel marzo 2001, il suo business plan è stato tutt’altro che semplice visto che per i primi due anni non ha potuto fare altro che investire denaro, ottenere Lambics da Boon, Lindemans, Girardin e Cantillon ed aspettare.
Inoltre , a dispetto dei puristi che vedono la geuze come un prodotto destinato solamente alla bottiglia, ha anche infustato una parte della produzione per cui andremo a parlare di una draught geuze visto che ho preso nota della versione alla spina.
Il colore è aranciato, leggermente velato, la schiuma ocra fine e di buona persistenza. Media carbonazione e medio corpo; gli aromi sono piacevolmente rustici e tipicamente da geuze per cui coperta di cavallo, uva bianca, menta fresca ed un accenno ferroso, ma tutti equilibrati molto bene  ed eleganti.
In bocca l’acidità è spiccata, risaltano i gusti acetici ma senza l’aggressività che ci si sarebbe aspettata dal naso, anzi la bevuta risulta molto fluida e piacevolmente accompagnata da un medio palato floreale che va a terminare in un astringenza marcata ma non esagerata.
Questa Tilquin alla spina pare essere una geuze ingentilita ed arrotondata, ma non addomesticata, che si presta ottimamente alla bevuta ripetuta, ai neofiti ed ai palati più delicati.
Di tutt’altra pasta la 3 Fonteinen Oude Geuze bevuta subito dopo in bottiglia, che presenta un naso decisamente più marcato e sbilanciato verso gli “aromi selvaggi” e con un acetico che colpisce già al naso, la birra si presenta al palato con un corpo più importante sia per consistenza che per la complessità di sapori caratterizzati da note acetichespiccate, da sentori legnosi e citrici terminando con un finale decisamente astringente ed asciutto.
Devo dire che personalmente ho preferito la 3Fonteinen e da profano concordo con i puristi che vedono la geuze come un prodotto destinato ad una lenta ma costante evoluzione in bottiglia nonostante ciò rimangono senz’altro due birre che richiedono e meritano dedizione per essere approfondite a dovere. [dLc]

Apertura Beershop/Birrificio Black Barrells@Torino

Nuova apertura birraia a due passi dal centro di Torino: trattasi della nuova creatura di Renzo Losi (ex Panil, Torrechiara) il birraio, salito alla ribalta a livello internazionale per le meravigliose creature passate in legno create negli anni, si è trasferito nel capoluogo sabaudo e ha intrapreso la via del beershop/micro birrificio. Il proposito è quello di puntare alla diffusione di birre di altissima qualità, con un occhio di riguardo per le birre maturate in legno ed, in un prossimo futuro, di tornare alla produzione mantenendo un filo conduttore ben riconoscibile con quello che è (stato) il percorso evolutivo della produzione di Losi.

Il beershop inaugurerà ufficialmente  il 14 Dicembre, ma è comunque   aperto al pubblico in “fase di test”, personalmente ci sono passato oggi e devo dire che  sono già presenti etichette di livello e qualche chicca tra cui spiccano gli ultimi esemplari “originali” di Panil Barriquee/Sour e la Divina, Renzo è una persona molto disponibile ed i prezzi sono più che onesti. Un imbocca al lupo enorme a questo pezzo di storia del movimento birraio italiano trapiantato nella nostra città con l’augurio che venga accolto come merita. [dLc]

Via Principessa Clotilde 98/e. Torino
011 582 3028
info:blackbarrels69@gmail.com
http://www.facebook.com/pages/BlackBarrels/242757435852093